Crea sito

Recensione di Insaziabili Letture a Celeste era il Mare

E’ possibile innamorarsi del proprio romanzo leggendone una recensione? A me è successo dopo aver letto quella nel blog di Insaziabili letture. E’ una grande soddisfazione quando riesci a regalare tante intense emozioni a chi ti legge. Vi copio la recensione qui sotto, ma trovate anche il link al blog in fondo alla pagina. Grazie di cuore e buona lettura!

GrementieriCELESTEesecCosa ci si aspetta di trovare in un libro? Ognuno avrà la propria risposta; io posso darvi la mia: emozioni. Da Insaziabile Lettrice sono alla ricerca costante di quel certo non so che che fa battere il cuore, di quella scintilla capace d’innescare un pianto a dirotto dinanzi a frasi scritte in maniera sublime, di quel quid in più che faccia la differenza. E poco importa il genere, la lunghezza o la tipologia (vedi racconto, romanzo o altro). Quando leggo uno scritto io pretendo di emozionarmi, nel bene e nel male.
Oggi voglio parlarvi di un racconto lungo che fa parte della collana YouFeel della Rizzoli dal titolo “Celeste era il mare”, scritto dalla meravigliosa penna di Sabrina Grementieri. Il mood in questione, che lo dico a fare, è quello emozionante e, ragazzi, posso garantire che mi ha preso parecchio! In poco più di cento pagine l’autrice è riuscita a raccontare una storia d’amore completa in ogni sua sfaccettatura, ricca di sentimenti forti e contrastanti, mettendo a confronto due protagonisti con un bagaglio emotivo piuttosto ingombrante.
Come sempre la scrittura della Grementieri è chiara, diretta e senza fronzoli e, grazie aIMG_3049 questa sua capacità innata, ha saputo donarci frammenti di un passato dolorosamente dolce, vicende romantiche e intense in un presente all’apparenza improbabile, e pennellate di un futuro ricche di speranza. “Celeste era il mare” non è una fiaba moderna, ma racconta al cuore di ogni lettore uno stralcio di vita in cui chiunque può immedesimarsi e non ci si potrà esimere dal domandarsi quali scelte effettuare al posto dei protagonisti.
Sullo sfondo di una stupenda Sicilia, i nostri Celeste e Francesco si ritrovano dopo quindici anni di lontananza e scoprono che tutto è cambiato (o forse niente); che sono loro a essere cambiati, ma che in fondo sono rimasti gli stessi. I sentimenti percepiti, le situazioni che hanno vissuto nel passato e nel presente delle loro vite… tutto viene messo in discussione causando un terremoto nelle loro essenze più profonde. Così, tra un fiore e una cala, la nostra buona autrice ci porta a spasso nella magnifica terra sicula, mostrandoci attraverso l’obiettivo fotografico della protagonista delle meraviglie della IMG_3059natura a cui ognuno di noi vorrebbe dare un’occhiata (almeno a me è successo proprio questo), lasciando progredire di pari passo questa struggente storia d’amore.
Il celeste è il colore del cielo, del mare, degli occhi di Francesco ed è il nome di colei che vive per noi questa appassionante avventura. Non lasciatevela sfuggire, afferratela e stringetela forte! Lasciate che vi penetri dentro e fatevi sommergere delle emozioni intense che solo Sabrina Grementieri riesce a donare.

http://insaziabililetture.blogspot.it/2014/11/recensione-celeste-era-il-mare-di.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*